Mese: Gennaio 2021

PNL: MITO O REALTA’

brain, heart, balance-3017071.jpg

Se giri un po’ su internet ci sono una marea di offerte per corsi, master, consulenze di coaching, che mirano tutte a favorire la crescita personale, promettendo il miglioramento del proprio stile di vita o il raggiungimento dei tanto sognati obiettivi. Quasi tutti hanno come base la tecnica della PNL, abbreviazione di programmazione neurolinguistica.

Si tratta di una tecnica psicologica relativamente recente,  ideata in California da  Bandler e Grinde. Il principio di fondo è che ci sia un collegamento tra i nostri neuroni e gli schemi comportamentali che ci creiamo con l’esperienza e che, modificando quest’ultima, automaticamente riusciamo a riprogrammare il nostro cervello verso schemi piu’ funzionali per noi.

In pratica, adottando alcuni comportamenti, aggiungendo degli ancoraggi, per agganciare una emozione ad una parte del corpo, riprendendo quel gesto si può riprovare la stessa emozione.

Sicuramente, se dopo tanti anni ancora è in auge e riscuote un discreto successo, per qualcuno funzionerà, quindi lungi da me il criticare una tecnica psicologica solo perchè non ha ancora basi scientifiche, e non è stata falsificata e quindi ritenuta valida ufficilamente.

Però, poichè il blog è mio, e fino a prova contraria, ho libertà di pensiero, vorrei dire anche io la mia su questa meraviglia del secolo! Ai corsi di counseling l’ho sperimentata su me stessa, e onestamente, per quanto mi fossi impegnata, anche successivamente, su di me non funziona, non c’è verso! Non è vero che se aggancio una emozione ad una parte del corpo poi questa ritorna quando voglio io, come non è vero che pensando sempre ad un obiettivo, o sforzandosi di tenere un certo atteggiamento, poi questo miracolosamente si realizza da solo! Mi dispiace doverlo ammettere ma non funziona proprio un tubo! Per tanti anni mi sono chiesta perchè, credendo di sbagliare qualcosa e leggendo di tutto per capire dove fosse l’inganno.

La realtà è, dal mio punto di vista, che la PNL può funzionare su persone facilmente suggestionabili e che magari non hanno una buona conoscenza di se stessi, ma non è per tutti, e sicuramente non è per me!

La mia opinione è che il miglioramento di se stessi parta anzitutto dal conoscersi, e per farlo non servono tecniche strane o magiche, ma ci vuole l’ascolto di se, e questa è la parte decisamente piu’ difficile, perchè vuol dire superare la paura di scoprire parti di se che si è sempre negate, o di cui non si è a conoscenza, e magari ci fosse una magia per questo!

Ma niente è impossibile, basta volerlo, e farsi affiancare da qualcuno che può aiutarci a vedere in noi ciò che da soli non vediamo, come chi ha problemi di vista mette gli occhiali!

IL MITO DELLA CRESCITA PERSONALE

lights, girl, cat-5821284.jpg

Ormai il web è pieno di guru pronti a prometterti i migliori “trucchi” per migliorare la tua esistenza, per renderti una persona nuova, basta solo “seguire queste semplici mosse” oppure “vieni al mio webinar e ti dirò tutti i segreti della crescita personale”.

Io stessa ho letto una marea di libri sull’argomento, ho studiato psicologia, ho cercato di capire come funziona la mente umana, ma la triste realtà è che nessuno lo sa veramente! Gli stessi psicologi, che hanno fatto passi da gigante nella conoscenza della nostra mente, devono ammettere che la loro non è assolutamente una scienza esatta, come d’altronde non lo è nemmeno la medicina.

La realtà, è a mio avviso, che ognuno di noi è fatto a “modo suo”, con i suoi limiti, i suoi vizi, le sue virtu’, che sono si, dettate dal carattere, in parte forse dalla genetica, ma soprattutto, a mio avviso, dalle esperienze di vita, da come siamo stati trattati da piccoli, dall’ambiente che abbiamo vissuto e da come siamo stati educati. Per quanto possiamo amare o odiare i nostri genitori, siamo come siamo per merito o per colpa loro, e si, anche se non vorremmo, ci portiamo dietro “le loro tare” ed i loro valori, perché per quanto possano essere stati dei genitori perfetti, anche loro avevano il loro bagaglio ed hanno fatto il meglio che potevano con gli strumenti che avevano.

Perché scrivo tutto questo? Per dirti che siamo spacciati? Assolutamente no! Non siamo responsabili di come siamo stati educati, ma lo siamo di ciò che, da adulti a nostra volta, decidiamo di condividere e fare nostro e di cosa no. Ma, per produrre un cambiamento nella nostra vita, il primo ed imprescindibile passo che bisogna compiere è ACCETTARSI.

Si, semplicemente (quanto mi piace questa parola!) accettarsi, perché solo così saremo in grado di capire Come siamo fatti, ed una volta compreso questo, possiamo scegliere cosa tenere e cosa no del nostro bagaglio e cosa invece, vorremmo cambiare o approfondire.

Quindi, crescita personale vuol dire anzitutto capire come siamo. E’ veramente così semplice? Assolutamente no! Siamo bravissimi a guardare i pregi e difetti degli altri ma quando si tratta di noi abbiamo i paraocchi ed anche i paraorecchi. (Hai mai provato a far notare un difetto ad un tuo amico/a?)

Non esistono formule magiche, diffidate di chi vi promette la luna, il lavoro è vostro e di nessun altro, ma potete beneficiare di un accompagnatore che vi guidi nel vostro percorso, tutto sta a trovare quello giusto.